Il Carmelo di Lisieux

Origine dell’Ordine del Carmelo

Sul Monte Carmelo, in Terra Santa, vicino all’attuale città di Haifa, si trovano delle grotte in cui vissero degli eremiti secondo la tradizione spirituale del Profeta Elia.

Nel XIII secolo, alcuni eremiti si riunirono come « fratelli della Vergine Maria » con una regola comune. Il Carmelo era nato.

Nel XVI secolo, in Spagna, Teresa d’Avila e Giovanni della Croce riformarono profondamente il carmelo, semplificandolo e orientandolo alla preghiera contemplativa, al lavoro nella solitudine di una stretta clausura, alla vita comunitaria. Piccoli « deserti » che pregavano per la salvezza del mondo.

Il Carmelo di Lisieux

il chiostro del Carmelo di Lisieux Il Carmelo di Lisieux fu fondato nel 1838. Quando Teresa Martin vi entrò, il 9 aprile 1888, vi si trovavano ventisei suore (età media 47 anni).

A quel tempo, le carmelitane pregavano nel coro sei ore e mezza, di cui due di meditazione. Si lavorava per vivere (poveramente) ed erano previste due ore di ricreazione comune. I digiuni erano severi. In inverno ci si alzava alle ore 5.45. Ci si coricava alle ore 23.

Un Carmelo missionario

Fu in un Carmelo autenticamente missionario che entrò la futura « patrona delle missioni ». Infatti, nel 1861, il Carmelo di Lisieux aveva fondato a Saigon (l’odierna Hô Chi Minh) il primo Carmelo dell’Estremo Oriente.

Il seme partito da Lisieux divenne fecondo, poichè parecchi carmeli sorsero presto in Estremo Oriente. Da Saigon nacquero : Hanoi (Vietnam), Phnom-Penh (Cambogia) e, da essi, successivamente : Hué (Vietnam), Bui-Chu (Vietnam), Ilo-Ilo (Filippine), Bangkok (Thailandia), Manila (Filippine), Thanh-Hoa (Vietnam), Yunnan-Pu (Cina) e Singapore (Singapore).

Fu in quest’atmosfera missionaria che Teresa ha vissuto. Se nel 1896 non si fosse ammalata, sarebbe certamente partita per il Tonchino (= regione settentrionale del Vietnam).

Teresa Martin era entrata al Carmelo di Lisieux che doveva essere, per lei, « il deserto in cui il Buon Dio voleva che lei si nascondesse », ci veniva per « salvare le anime e soprattutto per pregare per i sacerdoti ». Il Carmelo di Lisieux festeggiava in quell’anno i cinquant’anni di fondazione.

La Chiesa del Carmelo

Appena superata la soglia della chiesa del Carmelo, il pellegrino si trova in comunione con Santa Teresa, che qui visse dal 9 aprile 1888 al 30 settembre 1897. Se vuole, può anche unirsi alla preghiera comunitaria delle carmelitane.

La chiesa è la stessa che ha visto Teresa, anche se nel tempo ha subito alcune modifiche : come per esempio l’aggiunta, nel 1923, della cappella del Reliquiario e della navata laterale.

tombeau de sainte Thérèse
tombeau de sainte Thérèse
la plus grande partie des Reliques de sainte Thérèse se trouvent au-dessous de la statue

Nella cappella del Reliquiario, il pellegrino può venerare i resti mortali della Santa : qualche osso è inserito nella statua che rappresenta Teresa sul suo letto di morte ; la maggior parte delle reliquie è rinchiusa nel cofanetto posto sotto il Reliquiario. L’ultima domenica di settembre le reliquie vengono condotte processionalmente attraverso la città.

Al di sopra del Reliquiario si trova la statua della Vergine Maria, la stessa che il 13 maggio 1883 ai Buissonnets, guarì la piccola Teresa con il « suo incantevole sorriso ».

Dal 2008 dopo gli ultimi lavori di ristrutturazione, si accede alla cappella attraverso un percorso che permette di approfondire il messaggio di santa Teresa, attraverso gli oggetti, foto e filmati.

Orari di apertura della chiesa :

  • dal 1° novembre a Pasqua
    • 7.20-18.30
  • da Pasqua al 1° novembre
    • 7.20-19

Orari di apertura dell’Accoglienza :

  • 9.30-19.00
  • chiuso in gennaio