Celina (suor Genoveffa)

Note cronologiche della sua vita

  • 28.04.1869
    • Nascita di Maria Celina, 7a figlia, in via Pont-Neuf.
  • 05.09.1869
    • Battesimo ad Alençon.
  • 1877
    • Semiconvittrice all’Abbazia delle Benedettine di Lisieux.
  • 13.03.1880
    • Prima comunione nella Cappella dell’Abbazia.
  • 05.06.1880
    • Cresima.
  • 10.1880
    • Teresa entra alla scuola dell’Abbazia con Celina.
  • 1885
    • Celina lascia l’Abbazia, dove era stata « presidente de : Les Enfants de Marie ». Fu un’alunna brillante.
  • 04.1888
    • Richiesta in matrimonio.
    • Celina si dedica alla pittura e alla fotografia.
  • 16.06.1888
    • Celina comunica al padre il suo desiderio di essere religiosa.
  • 12.02.1889
    • Il sig. Martin entra al Bon Sauveur di Caen per essere curato. Per tre mesi, Celina e Leonia si stabiliscono nelle vicinanze dalle Suore di san Vincenzo de’ Paoli.
  • 08.12.1889
    • Il Reverendo Padre Pichon, suo direttore spirituale, la autorizza a fare voto di verginità.
  • 29.07.1894
    • Il signor Martin muore in seguito ad una crisi cardiaca, assistito da Celina.
  • 14.09.1894
    • Celina entra al Carmelo (portando con sé la sua apparecchiatura fotografica) con il nome di suor Maria del Volto Santo.
  • 05.02.1895
    • Vestizione. Cambia il nome in suor Genoveffa di Santa Teresa e del Volto Santo.
  • 09.06.1895
    • Suor Teresa di Gesù Bambino sollecita, nel corso della messa della Santa Trinità, il permesso di offrirsi come vittima all’Amore Misericordioso.
  • 11.06.1895
    • Offerta con Celina.
  • 24.02.1896
    • Professione.
  • 1898 - 1899
    • Per tutta la sua vita, suor Genoveffa parteciperà attivamente, con gli scritti, le fotografie ed i ritratti, alla diffusione del messaggio di Teresa.
  • 1952
    • Pubblicazione di « Consigli e Ricordi » di suor Genoveffa.
  • 24.02.1956
    • Giubileo di Diamante. Mons. Jacquemin, Vescovo di Bayeux e Lisieux autorizza l’apertura del Processo Informativo della Causa del Servo di Dio, Luigi Martin.
  • 25.02.1959
    • Morte di suor Genoveffa.